Carrom

Inserito in Giochi

carrom

Il Caroms o carrom è un gioco di origine incerta. Alcune fonti la individuano in Etiopia e in Egitto, altre indicano la Birmania o i Paesi Arabi come il luogo dove sembra essere stato inventato e giocato per le prime volte. Oggi il carrom viene giocato oltre che in Birmania (nella foto alcuni birmani intorno ad un carrom per le strade di Yangon), anche nello Yemen, in India, nel nepal, in Afghanistan e in molti altri paesi asiatici.
E’ poco conosciuto in Italia anche se negli anni ’80 vi era stato commercializzato, seppur con poca fortuna, con il nome Titom.

In che cosa consiste
In pratica si tratta di un biliardo in miniatura sul quale vengono disposte pedine di due colori più una regina che debbono essere fatte cadere in buca agli angoli.

Cosa serve per giocare

  • un tavolo da carrom;
  • nove pedine nere;
  • nove pedine bianche;
  • una pedina rossa (la regina);
  • una pedina battente (lo striker);
  • fecola di patate (per la scorrevolezza del tavolo)

carrom

carrom

Come si gioca

Lo scopo del gioco è di imbucare tutte le proprie pedine prima dell’avversario colpendole con lo striker.

  1. I giocatori, o la coppia, si siedono uno di fronte all’altro. Si gioca rimanendo seduti per tutta la durata dell’incontro.
  2. Le pedine vengono disposte sul tavolo per la spaccata secondo un preciso schema geometrico.
  3. Il giocatore o coppia che effettua la spaccata tenta di imbucare le pedine bianche, l’avversario o coppia di avversari tenta di imbucare quelle nere.
  4. Tutti i tiri vengono effettuati dalle linee di base del giocatore di turno e dopo ogni tiro lo striker viene raccolto. Esso può poi essere piazzato in qualunque posizione sulla linea di base sul lato del giocatore di turno e deve toccarne le due righe nere. I cerchi rossi posti alle estremità della linea non possono essere parzialmente coperti: o non vengono toccati o lo striker li deve coprire interamente.
  5. Lo striker deve essere colpito con un solo dito mantenendo ferma la mano, sia che il tiro venga effettuato in avanti che all’indietro.
  6. Tutti i giocatori possono colpire con lo striker qualsiasi pedina, direttamente o indirettamente e in qualsiasi posizione si trovi, anche se sopra le righe di base, nel tentativo di imbucare le proprie. Se accidentalmente vengono imbucate quelle dell’avversario, questi se ne avvantaggia e subentra nel turno di gioco.
  7. Il turno di un giocatore si protrae fino al suo primo errore. Dopodiché il turno passa all’avversario. Nel doppio la rotazione dei turni di gioco avviene in senso antiorario.
  8. Qualunque giocatore che abbia imbucato almeno una delle sue pedine può tentare di imbucare la regina, cioè la pedina rossa. Quando un giocatore imbuca la regina ottiene un bonus sul punteggio a condizione che imbuchi una delle proprie pedine con il tiro successivo nello stesso turno: in tal caso si dice che la regina è stata confermata. In caso contrario la regina viene rimessa al centro del tavolo ed il punteggio non subisce mutamenti. Perché la partita possa terminare è necessario che la regina sia stata imbucata e confermata da uno qualsiasi dei giocatori.
  9. Vince chi riesce per primo ad imbucare tutte le proprie pedine. Questi avrà un punto per ciascuna pedina dell’avversario rimasta in gioco più tre punti per la regina se è stato lui a confermarla.

vedi anche:

la pagina del Carrom su wikipedia

il sito della Federazione Italiana Carrom


Print pagePDF page